All’interno delle visioni tiberine e dell’Operazione Patronus, una pagina dedicata ai notturni tiberini. Che sia al centro di Roma o nelle Terre Estreme, pedalando lungo l’argine o pagaiando nella corrente, la notte vi ipnotizzerà.

Pagaiate di luna piena

Non sapevo che il buio non è nero
Che il giorno non è bianco
Che la luce acceca
E il fermarsi è correre
Ancora di più
(Goliarda Sapienza)

Nel silenzio di uno specchio d’acqua immobile, la pagaia affonda ed è pioggia di diamanti.

Discesa sotto le stelle

“La notte, a Roma, par di sentire ruggire leoni.
Un mormorio indistinto è il respiro della città, fra le sue cupole nere e i colli lontani, nell’ombra qua e là scintillante; e a tratti un rumore roco di sirene, come se il mare fosse vicino, e dal porto partissero navi per chissà quali orizzonti. E poi quel suono, insieme vago e selvatico, crudele ma non privo di una strana dolcezza, il ruggito dei leoni, nel deserto notturno delle case.”
(Carlo Levi – “L’orologio”)

(la discesa sotto le stelle)

 

Mareggiata Mannara

Le mareggiate mannare lungo la Via al Mare.

“Me ne sto qui distesa, sola, in silenzio, avvolta in queste molteplici e nere lenzuola dell’oscurità, della noia, della prigione invernale – e intanto il mio cuore pulsa di una gioia interiore incomprensibile e sconosciuta, come se andassi camminando nel sole radioso su un prato fiorito. E nel buio sorrido alla vita, quasi fossi a conoscenza di un qualche segreto incanto in grado di sbugiardare ogni cosa triste e malvagia e volgerla in splendore e felicità. E cerco allora il motivo di tanta gioia, ma non ne trovo alcuno e non posso che sorridere di me. Credo che il segreto altro non sia che la vita stessa; la profonda oscurità della notte è bella e soffice come il velluto, a saperci guardare. E anche nello stridere della sabbia umida sotto i passi lenti e pesanti della guardia risuona un canto di vita piccolo e bello, se solo ci si presta orecchio.” Rosa Luxemburg

(la mannara di maggio 2020)

Qua la zampa

>Le Terre della Regina invocano la partecipazione di tutti noi. Condividete le vostre visioni, seguiteci nelle giornate in calendario, aiutateci a portare avanti i progetti di recupero e diffusione della futura Regina Ciclovia Fluviale, il percorso verde lungo il Tevere.

Per rimanere aggiornati, partecipare, proporre….. iscrivetevi ai social o date una occhiata alle ReginaNews con tutte le imprese feline. Collaboriamo!

condividi:
Notturno tiberino
Tag: