L’oasi WWF al Lago di Alviano

Oasi WWF al Lago di Alviano

All’interno dell’Operazione Patronus, entriamo nell’oasi del Tevere generata dalla diga di Alviano.

L’Oasi WWF del lago di Alviano, comprende tutti gli ambienti tipici delle zone umide ad acqua dolce: palude, stagno, acquitrini, marcita, bosco igrofilo, tra i più estesi dell’Italia centrale e custodisce ambienti acquatici scomparsi da oltre un secolo. Proprio per questo motivo ha un valore speciale, perché con i suoi 900 ettari protegge dalla caccia e dalla speculazione edilizia questo scrigno di biodiversità unico. L’Oasi fa parte del Parco fluviale del Tevere, parco Regionale dell’Umbria, che comprende anche il Lago di Corbara e le Gole del Forello. Nata nel 1990 è oggi un Sito d’Importanza Comunitaria  e anche una Zona di Protezione Speciale. La gestione è affidata alla FONDAZIONE WWF ITALIA.segue…

Fotoracconto

(alcuni scatti visitando l’oasi)

Treno più bici

L’ingresso dell’Oasi (posizione) si trova a 10 minuti in bici dalla stazione FS di Alviano,  collegata con Roma da treni giornalieri. La strada asfaltata è tutta pianeggiante, traffico modesto ma a velocità sostenuta.

Extra

Social WWF

Tappa 4

La quarta tappa della futura Regina Ciclovia Tiberina costeggia i laghi di Corbara e Alviano alternando asfalto e strade bianche.  Parte da Todi ed arriva ad Alviano dopo 55km, attraversando il Parco Fluviale del Tevere. segue…

(panorama, dalla collezione fotosferica Mappatevere360 )

Passaporto Tevere

Anche l’Oasi WWf di Alviano aderisce al Passaporto Tiberino.

> Passaporto Tevere: il compagno ideale per scendere il fiume dalle sorgenti al mare, a terra e in acqua.
La versione di test, prodotta dal basso, può essere stampata in autonomia e fatta timbrare nelle uscite lungo il Tevere (che sia una giornata a Roma, un weekend fuori porta  o una settimana intera dalle sorgenti al mare), sulla falsariga della credenziale di Santiago.
Sperimentiamo insieme un Tevere vicino alle persone. Tutto orgogliosamente, ostinatamente, appassionatamente, gratuitamente dal basso. segue...



Qua la zampa

>Le Terre della Regina invocano la partecipazione di tutti noi. Condividete le vostre visioni, seguiteci nelle giornate in calendario, aiutateci a portare avanti i progetti di recupero e diffusione della futura Regina Ciclovia Fluviale, il percorso verde lungo il Tevere (ma prima leggete le raccomandazioni a terra e in acqua).

Per rimanere aggiornati, partecipare, proporre….. iscrivetevi alla newsletter mensile , ai social o date una occhiata alle ReginaNews con tutte le imprese feline. Non lasciateci soli! !

 

(capanno di avvistamenti, dalla collezione fotosferica Mappatevere360 )

Oasi WWF lago di Alviano
Tag: