I risultati del mese di ottobre 2021 del monitoraggio di passaggi di runner, ciclisti, camminanti, …. registrati dalle centraline della Costellazione Regina.

Diario di bordo

All’interno della Operazione Euclide (monitoraggio flussi di camminanti, runner, ciclisti, … nelle Terre della Regina), dopo il report di settembre presentiamo, per il mese di ottobre 2021, i risultati delle centraline posizionate lungo il Tevere.

Il trend di crescita già registrato il mese scorso, si conferma per la centralina Nomentana. Oscillante invece gli andamenti per le due postazioni nelle Terre della Regina. Quella a Ponte Sublicio, in particolare, comincia a dare segni di cedimento, con ripetuti blackout che falsano la media giornaliera.  Posizionata ad ottobre 2020, ha appena compiuto un anno di vita. Prossima la sua sostituzione con una nuova centralina.

Mantenendoci per difetto (causato dall’errore intrinseco della tecnologia implementata), possiamo ipotizzare, per le ultime settimane, una media di 5000 passaggi giornalieri (ottenuti sommando i risultati provenienti dalle tre centraline).

Nuove postazioni ufficiali

Nel mese di ottobre Romamobilita ha installato due postazioni professionali: una nei pressi di Ponte Milvio e una a Lungotevere Aventino. Sulla falsariga di quanto fatto per la postazione Nomentana (vedasi il report nr.26), attendiamo che i dati vengano resi pubblici per poterli confrontare con quelli registrati dalle nostre postazioni autocostruite.

(il fake totem nel post dedicato)

Big Data e design visivo

I dati accumulati in tre anni di sperimentazioni, con 3 centraline operative da quasi un anno h24 7su7, cominciano a costituire un set di dati interessanti con cui provare a leggere i flussi lungo le ciclabili romane. Il portale grafico realizzato dal Gran Maestro di Algoritmi Remo risulta essere un potentissimo strumento in tal senso.

In più riprese abbiamo ad esempio sottolineato (in ultimo, nel report di maggio) le diverse vocazioni che sembrano emergere dalle due ciclabili coinvolte nel monitoraggio dal basso: dominanza del pendolarismo scuola/lavoro per la Nomentana, sport e tempo libero per la ReginaCiclarum lungo il Tevere.

In questo mese ci piace arricchire la riflessione citando il manifesto di Giorgia Lupi sull’importanza del design visivo per rendere leggibili le informazioni contenute nei big data. Qui di seguito un estratto:

I dati sono ora riconosciuti come uno dei pilastri fondanti della nostra economia e l’idea che il mondo diventi esponenzialmente più ricco di dati ogni giorno è già una notizia di ieri.

I Big Data non appartengono a un lontano futuro distopico; è una merce e una caratteristica intrinseca e iconica del nostro presente — come dollari, cemento, automobili e Helvetica. I modi in cui ci relazioniamo ai dati si stanno evolvendo più rapidamente di quanto pensiamo, e le nostre menti e i nostri corpi si stanno adattando naturalmente a questa nuova realtà ibrida fatta di strutture sia fisiche che informative. E il design visivo — con il suo potere di raggiungere istantaneamente i luoghi del nostro subconscio senza la mediazione del linguaggio e con la sua capacità intrinseca di trasmettere grandi quantità di informazioni strutturate e non strutturate attraverso le culture — sarà ancora più centrale in questa rivoluzione silenziosa ma inevitabile.

In effetti, il design visivo viene spesso applicato ai dati semplicemente come un ritocco cosmetico di problemi importanti e complicati nel tentativo di farli sembrare più semplici di quanto non siano. Ciò che ha reso così popolari le infografiche di marketing a basso costo è probabilmente la loro più grande contraddizione: la falsa affermazione che un paio di pittogrammi e alcuni grandi numeri hanno il potere innato di “semplificare la complessità”.

Così, le infografiche “cool” ci hanno promesso la chiave per padroneggiare questa complessità indomabile e, quando inevitabilmente non sono riusciti a soddisfare questa aspettativa eccessivamente ottimistica, siamo rimasti con gigabyte di grafici a torta 3D illeggibili.

I fenomeni che governano il nostro mondo sono per definizione complessi, sfaccettati e per lo più difficili da comprendere: perché qualcuno dovrebbe volerli sminuire per prendere decisioni cruciali o consegnare messaggi importanti?

(tratto da “Data Humanism – A Visual Manifesto“, Giorgia Lupi)

Portale dati

> Le registrazioni dei passaggi di bici, runner, camminanti, .... sul portale sperimentale

(il portale sperimentale, cliccare sulle bandierine per il dettaglio delle centraline)


(la postazione attiva nelle Terre del Nord)


(la postazione attiva nei Campi Elisi)

Special guest:

la postazione contapassaggi extra lungo la Ciclabile Nomentana:

Qua la zampa

>Le Terre della Regina invocano la partecipazione di tutti noi. Condividete le vostre visioni, seguiteci nelle giornate in calendario, aiutateci a portare avanti i progetti di recupero e diffusione della futura Regina Ciclovia Fluviale, il percorso verde lungo il Tevere.

Per rimanere aggiornati, partecipare, proporre….. iscrivetevi ai social o date una occhiata alle ReginaNews con tutte le imprese feline. Non lasciateci soli! !

ContaPassaggi Gattesco ott 2021 – report nr.28
Tag: