All’interno dell’Operazione Strabone – geografie tiberine e delle divagazioni raccolte su  MappaTevere360, dopo l’approfondimento sull’Anello di Bracciano,  una pagina dedicata all’Anello del Sud dentro la Riserva del Litorale Romano.

Traccia

Il percorso GPS proposto da Fabio Gerini segue in sponda destra la Via al Mare, mentre su quella opposta i sentieri Pasolini e Trilussa (a cui riferirsi per dettagli ed aggiornamenti).

Note:

  • Segnalati alcuni tratti di strade asfaltate pericolosette a: Decima Malafede, Ponte della Scafa e Mezzocammino.
  • il Ponte del Malpasso in caso di piogge, potrebbe essere sommerso (vedere post)

(la traccia si può scaricare gratuitamente consultandola da PC)

Fotoracconto

Alcune foto scattate lungo il percorso, in sponda sinistra.

 

Raccomandazioni

Leggere le note nel capitolo precedente dedicato alla traccia GPS.

> Tutte le info su questo sito ed altrove non sono verità assolute. Non vi avventurate! Le Terre della Regina meritano attenzione, rispetto, consapevolezza. Consigli, note, raccomandazioni, scarico di responsabilità nella pagina dedicata. Leggetele attentamente. Impiegate cinque minuti ora, per risparmiare sventure e contrattempi dopo. segue...


(il borgo del Castello di Giulio II, dalla collezione fotosferica Mappatevere360 )

Extra

SentieroPasolini e SentieroTrilussa

I due percorsi curati dai volontari, in sponda sinistra.

Dorsale ciclabile Fiera Mare

La “Dorsale ciclabile Fiera Mare”  mette in relazione numerosi tracciati ciclopedonali favorendo il collegamento dell’entroterra del X Municipio con la spiaggia di Castel Porziano e le due sponde del fiume. Il progetto, realizzato da Ostia in Bici e dallo Studio Structura e sostenuto dall’associazione Insieme per la Curtis Draconis,  è stato  adottato nel PUMS e nel Piano di Gestione della Riserva, rappresentando  una delle porte di accesso alla Riserva e quindi al Tevere.

Proprio ai piedi del Parco del Drago, infatti,  potrebbe essere realizzato uno degli attraversamenti che consentirebbe di raggiungere la sponda opposta del fiume e quindi di mettere in   connessione  il X Municipo con  Fiumicino:  una scelta prioritaria dopo la decisione di realizzare la pista ciclabile sull’argine destro del Tevere (il tratto terminale della Ciclovia Tirrenica).

Il progetto prevede:  sulla riva sinistra del Tevere,  un attracco e un belvedere panoramico ecocompatibile munito di pannelli informativi e punto di osservazione LIPU;   sulla riva destra, la realizzazione di una Stazione Fluviale su piattaforma galleggiante multifunzionale ed energeticamente autosufficiente comprendente  un “bicigrill” per assistenza e supporto alla mobilità ciclopedonale.

Per approfondire: Insieme per la Curtis Draconis, Ostia in bici, Studio Structura

ll Parco del Drago

Un esempio di infrastruttura verde da tutelare e valorizzare

Il Parco del Drago è un’area dell’agro romano di circa 20 ettari che mette in comunicazione l’abitato di due quartieri dell’entroterra del X municipio ( Dragona e Dragoncello) con l’area golenale in sponda sinistra del Tevere, c.d. valle di Enea, ricadente all’interno della Riserva Statale del Litorale Romano. Un’area dall’alto valore storico-archeologico-naturalistico poiché ricca di biodiversità animale e vegetale, oltreché di casali rurali, ville rustiche romane e di una torre costiera medievale, che testimoniano l’importante ruolo svolto dal Tevere negli anni in questo territorio, conosciuto anticamente con il nome di “Curtis Draconis”.

Sin dalla propria costituzione l’Associazione Insieme per la Curtis Draconis si è presa cura di questo bellissimo corridoio ecologico con l’obiettivo di sottrarlo  al degrado e da possibili lacerazioni e frammentazioni che  comprometterebbero per sempre  le sue potenzialità paesaggistiche. Attraverso percorsi storico-archeologico-naturalistici quest’area  garantisce la difesa dell’identità territoriale e la connessione funzionale e fruitiva con le aree di pregio limitrofe, offrendo un’opportunità aggregativa anche per riavvicinarsi al Tevere. Svolge inoltre importanti funzioni protettive per contrastare i cambiamenti climatici e il rischio idrogeologico. Il Parco del Drago, all’interno del tratto finale della Dorsale Ciclabile, rappresenta un tassello importante di ricucitura con gli altri territori che si affacciano sul Tevere.

Per approfondire:  Insieme per la Curtis Draconis

(Parco del Drago, dalla collezione fotosferica Mappatevere360 )

Street Art “Fiumara La Grande” – Peri Helio

“…Dove l’acqua del Tevero s’insala” (Dante Alighieri) un artista piemontese, Edoardo Morello, vuole regalare ai suoi concittadini un motivo di condivisione dell’amore per l’arte e per il luogo in cui ha deciso di vivere stabilmente da quasi dieci anni: un murale.

Che il fine dell’arte (quella ben fatta) sia l’incontro, lo scambio, l’arricchimento personale ed il portare “buone nuove” in un luogo che spesso si sente emarginato, ma che invece merita attenzione positiva dato il valore storico, artistico e geografico che ha. L’ha capito Edoardo Morello e lo condivide perfettamente anche Peri, l’artista scelto per dar vita a questo progetto. (testo da FiumicinoOnLine)

Ascoltate l’audioracconto su Visit Fiumicino

Anello della Scafa

Un giorno  potremo tornare ad ammirare il fiume affacciandoci dai pontili galleggianti? Un giorno potremo godere di un ponte ciclopedonale che connetta i territori? In attesa, sogniamo con l’Anello della Scafa. segue…

La bonifica del litorale

> Con la fine della seconda guerra mondiale, il decollo industriale e la migrazione verso le citta’, si chiude il capitolo della bonifica iniziato oltre duecento anni prima. L’eredita’ dei nuovi terreni viene capitalizzata per nuove economie (abitative, turistiche, industriali, …) Nel frattempo nasce l’ecologia e con essa un ripensamento generale: alle paludi viene restituito “diritto di cittadinanza”, in quanto importanti custodi della diversita’ naturale  e attori strategici nella gestione dei regimi  idraulici. segue...

(l’edicola informAttiva al Belvedere Galeria)

Dolce Spiaggia aspettando la Ciclovia Tirrenica

> Dolce Spiaggia, il percorso proposto da Romano Puglisi da Ladispoli a Fiumicino, ad immaginare la futura ciclovia Tirrenica, poi fino Roma lungo la Via al Mare della Regina. segue...

 

Divagazioni Tiberine

> Dal giro del Trasimeno alla Randonnee delle Regine, dalla DolceSpiaggia all'Anello Fumaiolo, tutte le Divagazioni Tiberine per avvicinarsi al Tevere o, al contrario, sconfinare nei territori circostanti. segue...

 

Qua la zampa

>Le Terre della Regina invocano la partecipazione di tutti noi. Condividete le vostre visioni, seguiteci nelle giornate in calendario, aiutateci a portare avanti i progetti di recupero e diffusione della futura Regina Ciclovia Fluviale, il percorso verde lungo il Tevere.

Per rimanere aggiornati, partecipare, proporre….. iscrivetevi ai social o date una occhiata alle ReginaNews con tutte le imprese feline. Non lasciateci soli! !


(Capo due rami, dalla collezione fotosferica Mappatevere360 )

Anello del Sud
Tag: